venerdì, 26 febbraio, 2021
Home Terapia

Terapia

Perché è necessario controllare il diabete

Per stare bene, evitare ipo e iperglicemie, avere una normale vita scolastica e partecipare ad attività sportive, oltre che per avere un normale accrescimento...

Gli sbalzi glicemici

Gli sbalzi glicemici sono esperienza comune di ogni diabetico: alcuni si limitano a risolvere il problema del momento, altri non ci pensano proprio, per altri questi riscontri offrono lo spunto per un’approfondita riflessione.

Ipoglicemia. Quando un brivido ti corre lungo la schiena

Dici ipoglicemia e un brivido ti corre lungo la schiena. Chiunque (bambino, adolescente, genitore, ma anche medico, infermiere, dietista) abbia avuto a che fare, direttamente o indirettamente, con un’ipoglicemia, non se la scorda facilmente.

La terapia multiniettiva in età scolare

Prendersi cura di un bambino con diabete tipo 1 rappresenta, quindi, una continua sfida per il medico (e, ovviamente, per il bambino e la sua famiglia), soprattutto se pensiamo all’età scolare. La somministrazione di insulina dall’esterno compensa l’assenza di produzione endogena, con il tentativo di riprodurre le modalità di secrezione fisiologica dell’insulina.

Ipoglicemia: cos’è e come gestirla

L’ipoglicemia si verifica quando il glucosio nel sangue è uguale o inferiore a 70 mg/dl ed è la più frequente complicanza acuta del diabete insulino-dipendente. La sintomatologia caratteristica di una crisi ipoglicemica è varia e dipende dai diversi meccanismi di compenso da parte dell’organismo, che agiscono per elevare il livello glicemico e sono responsabili dei sintomi.

La terapia insulinica con microinfusore

L'interesse sull'efficacia e la sicurezza della terapia con microinfusore risale alla fine degli anni ‘60, e da allora il buon controllo metabolico si è dimostrato fondamentale nella prevenzione delle complicanze microangiopatiche del diabete tipo 1.

Malattie acute delle vie respiratorie: cosa fare

Le infezioni respiratorie rappresentano i più comuni disturbi tra i bambini. È da considerarsi normale quando un bambino contrae, in un anno, circa 8 volte il raffreddore, poiché esistono centinaia di virus differenti ed i bambini piccoli li incontrano per la prima volta. La maggior parte dei raffreddori si risolve nel giro di una settimana.

Diabete e condizioni cliniche associate

Come sappiamo, il diabete di tipo 1 (DM1) è il risultato di un danno delle beta-cellule determinato da una risposta anomala del sistema immunitario che ha come bersaglio il pancreas. A volte questa risposta immunitaria anomala può estendersi ad altri organi, iniziando un processo d’inattivazione simile, clinicamente rilevante, a quello che è stato la causa del diabete.

Emergenze acute nel diabete

Se l’obiettivo a lungo termine nella malattia diabetica è rappresentato dalla prevenzione/limitazione delle complicanze croniche, altrettanto importante è il saper riconoscere ed affrontare in modo adeguato le complicanze acute, ovvero la cheto acidosi e l’ipoglicemia. Tale capacità assume una rilevanza significativa non solo ai fini del controllo metabolico, ma anche per garantire una buona qualità di vita.

Ho il diabete: devo vaccinarmi?

La vaccinazione rappresenta il mezzo più semplice e sicuro per proteggere il bambino contro processi infettivi, alcuni dei quali dagli esiti potenzialmente invalidanti e/o mortali. Ciascun vaccino agisce stimolando una risposta immunitaria attiva che difende l’organismo dall’infezione: il vaccino diventa quindi una sorta di “alleato” del sistema immunitario, in grado di potenziarlo al momento giusto contro “i nemici” che periodicamente lo sfidano.

L’automonitoraggio nella terapia del diabete insulino dipendente

L’automonitoraggio, ossia la capacità da parte del paziente diabetico di ottenere dati sul suo equilibrio glicemico, è un cardine fondamentale della terapia del diabete mellito insulino-dipendente. In particolare dal momento che la terapia attuale della malattia è tesa a fornire al paziente e alla sua famiglia i mezzi per gestirsi con efficacia nelle varie situazioni che la vita gli propone, la capacità di ottenere e interpretare i dati glicemici è importantissima.