sabato, 15 agosto, 2020

Età scolare

Iperglicemia postprandiale nell’adoloscente

È possibile ottenere un buon controllo metabolico attraverso l’attività fisica e determinate regole di alimentazione

Occhio al periodo puberale

I bambini, a questa età, con o senza diabete, richiedono aiuto e sostegno per la loro crescita, per diventare gradualmente più indipendenti, sviluppare la fiducia in se stessi allontanandosi dai genitori e per affrontare i problemi del mondo che li circonda con il loro aiuto

Stare insieme aiuta!

I soggiorni di vacanza ed istruzione per i giovani rappresentano ormai da alcuni decenni una parte fondamentale del processo di educazione all’autogestione della malattia.

L’età dell’amore e i tabù svelati

Un’esauriente ed obiettiva panoramica sui metodi contraccettivi. Precauzioni e consigli utilissimi per gli adolescenti.

La conquista del motorino

Per tutti gli utilizzatori dei mezzi motorizzati è un obbligo assoluto, al minimo sospetto di ipoglicemia, arrestare il proprio mezzo per controllare il proprio livello glicemico e, se necessario, assumere del cibo o dello zucchero.

Lo dico o non lo dico?

L’alternativa di comunicare o no sul diabete sembra piuttosto semplice, ma in realtà cela per ogni adolescente problematiche connesse all’immagine di sé e alle sue relazioni con gli altri. Si tratta di: affrontare direttamente la questione o lasciare che essa emerga poco a poco fidando nella comprensione degli altri.

Con il dottore sembra un altro: sarà l’età?

L’adolescente, divenuto più consapevole delle sue esigenze di salute e benessere, riesce a comunicare al medico con chiarezza se desidera maggiori informazioni sulle modalità più adeguate per controllare la sua situazione clinica nella vita di tutti i giorni, a casa, a scuola, in palestra, in vacanza con gli amici. In tali casi egli cercherà nel medico un sostegno alle sue incipienti istanze di emancipazione.

Dall’obesità al diabete Tipo 2 in età pediatrica e adolescenziale

L’obesità infantile rappresenta ormai un problema in tutto il mondo. I dati epidemiologici, per quanto non confrontabili, sono in aumento sia nei Paesi industrializzati, dove coinvolgono le classi meno abbienti, che nei Paesi in via di sviluppo dove il fenomeno coinvolge prevalentemente i ceti più ricchi.

Alcool e fumo: due nemici giurati

Alcool: è indispensabile informare i ragazzi e le famiglie di prestare attenzione all’ipoglicemia. Fumo: gli adolescenti considerano i rischi legati al fumo un pericolo remoto...

Il disagio dell’adolescente con diabete

Françoise Dolto, psicanalista francese, scrive che l’adolescenza è un’età vulnerabile e meravigliosa. Ci piace questa definizione, e la sottoscriviamo. L’adolescenza è sì un’età vulnerabile,...

La terapia multiniettiva in età scolare

Prendersi cura di un bambino con diabete tipo 1 rappresenta, quindi, una continua sfida per il medico (e, ovviamente, per il bambino e la sua famiglia), soprattutto se pensiamo all’età scolare. La somministrazione di insulina dall’esterno compensa l’assenza di produzione endogena, con il tentativo di riprodurre le modalità di secrezione fisiologica dell’insulina.